Consigli del mese
*

Viburno


È un arbusto sempreverde con grandissime foglie verdi, lucide, molto coriacee.Ha cespugli fitti e verdissimi, e viene scelto come pianta da bordura e da siepe perché di crescita molto rapida e rigogliosa fino a 5 metri d´altezza.
Si adatta abbastanza facilmente ad ogni tipo di terreno, purchè sia ben drenato.
Cresce bene in posizioni soleggiate o leggermente ombreggiate. Il fogliame è ovale o lanceolato, liscio o rugoso, a seconda della specie, e i fusti sono molto ramificati; Le specie a foglia caduca fioriscono in primavera, la gran parte delle specie sempreverdi fioriscono in autunno o in primavera. Quasi tutte le numerose specie di viburno producono bacche, che rimangono sulla pianta a lungo.

[Il genere viburnum comprende circa duecento specie di arbusti di dimensioni varie, originari dell´Asia e dell´Europa; molto diffusi nei giardini per la facilità di coltivazione, hanno in genere forma arrotondata, o eretta.

Tra le specie più diffuse nei nostri giardini, ci sono il Grandiflorume il Tinus.

I viburni non necessitano di potature regolari; Sopportano potature anche drastiche, fatte spesso per mantenere l´arbusto più compatto: talvolta si può intervenire per sfoltire piante troppo fitte recidendo i rami vecchi. Il periodo ideale per tale tipo di intervento è quello appena successivo alla fioritura. Le specie a fioritura invernale devono però essere potate in primavera.

Per ciò che riguarda le annaffiature, spesso a questi arbusti è sufficiente la pioggia, ma può essere necessario intervenire con annaffiature abbondanti in caso di periodi di siccità molto prolungati, soprattutto in primavera o in autunno. In autunno o a fine inverno è consigliabile interrare ai piedi degli arbusti del concime organico, per garantire il necessario nutrimento o aggiungere del concime liquido alle innaffiature dentro il vaso nelle piante tenute in terrazzo o sul balcone.