Consigli del mese
*

Camelia


La Camelia proviene dalla Cina e dal Giappone, dove ne crescono moltissime varietà. In Europa le camelie furono importate da G. J. Camel a partire
dalla seconda metà del 1700. Tuttavia, questa splendida pianta raggiunse grande popolarità soltanto un secolo dopo, in seguito al successo del romanzo di Dumas, "La signora delle camelie".
Dalle foglie di alcune varietà si ricava il tè.
Nel linguaggio dei fiori la Camelia vuol dire perfetta bellezza e superiorità non esibita; se regalata è segno di stima.
Le esigenze della Camelia, del resto, sono così modeste che ognuno di noi può essere in grado di soddisfare.
La Camelia è una specie dotata di notevoli capacità adattive: ciononostante è sempre da tenere presente che, per uno sviluppo ottimale, predilige siti parzialmente ombrosi e dotati di notevole umidità atmosferica, pur se ben arieggiati: non a caso le più antiche e rigogliose Camelie sono rintracciabili nei giardini ombreggiati, posti a nord, oppure a riparo di alti muri o, ancora, sotto l´ombra di qualche albero. Per la coltivazione in vaso è consigliabile una miscela di torba e agriperlite, oppure un terriccio vegetale ricco di humus e non troppo compatto, cercando di garantire sempre, sia in vaso che in terra, un perfetto drenaggio: la Camelia richiede molta acqua, specialmente nel periodo della fioritura, ma è sensibilissima ai ristagni, che devono sempre essere evitati.